Il pittore e il pesce. Una poesia di Raymond Carver, un’opera di Carlo Dalcielo


Il pittore e il pesce: tutta l’opera
aprile 28, 2008, 1:49 pm
Filed under: Opera | Tag: , ,

Tutto il giorno aveva lavorato come un treno.

Dipingeva per dipingere, sul serio, le pennellate
una dietro l’altra come una macchina.

Poi fece uno squillo
a casa.

(continua…)

Commenti disabilitati su Il pittore e il pesce: tutta l’opera


Terminata l’esposizione a Venezia, “Il pittore e il pesce” torna a casa in barca
aprile 26, 2008, 9:42 am
Filed under: Contorni | Tag:

Terminata l’esposizione a Venezia, Il pittore e il pesce, bene imballato, attraversa la laguna per tornare a casa. Alla guida della barca, Carlo Dalcielo (cliccare per ingrandire).



55 artisti al quadrato nel segno di Carver
aprile 26, 2008, 9:12 am
Filed under: Rassegna stampa | Tag: , ,

[Questo articolo è apparso nel settimanale Il domenicale di sabato 26 maggio 2008]

di M. G. Forlani

A 70 anni dalla nascita (e a 20 dalla morte) di Raymond Carver, Carlo Dalcielo (al secolo Bruno Lorini, allievo e assistente di Emilio Vedova) omaggia il grande scrittore prendendo in prestito il titolo di una sua poesia, Il pittore e il pesce, per un curioso progetto espositivo (Venezia, Fondazione Bevilacqua La Masa, fino al 15 maggio). Una sorta di sceneggiatura visiva del testo, un viaggio fantastico in 55 inquadrature che, attraverso differenti esperienze artistiche, sintetizza gli idiomi del minimalismo letterario americano.
Bruno Lorini e Giulio Mozzi sono gli ideatori di questa “storia”, interpretata da 55 artisti vincolati solo al rispetto della forma quadrata.
Collages e graffiti, acquerelli e disegni, oggetti e manifesti, video e musiche, allora, raccontano l’avventura di quel pittore che non aveva più voglia di vivere e di amare, ma che ritrovò il sorriso come per caso, un giorno come l’altro, uscendo dal proprio studio e imbattendosi in una cascata “abitata” da un pesce gioioso.
Tutto tornò così a sembrargli più bello, e speranza e buonumore sono anche il centro di questo originalissimo percorso (partito dalla Galleria Ricci Oddi di Piacenza) che infonde nel visitatore un inconsueto senso di abbandono alla vita e alla fantasia, spalancando orizzonti di sorrisi e domande a chi non si pone più nessun “perché”.

[L’articolo è piuttosto fantastico. In particolare, segnaliamo che la data indicata per l’esposizione di Venezia è errata. L’esposizione è già chiusa.]

Commenti disabilitati su 55 artisti al quadrato nel segno di Carver


Dagli archivi

Nella biblioteca della University of New Hampshire, come si vede dalla scheda d’archivio qui riportata, è conservata la corrispondenza tra l’editore di The Painter and the Fish, William B. Ewert, e i due autori, lo scrittore Raymond Carver e l’artista Mary Azarian.

Commenti disabilitati su Dagli archivi


Un’apparizione

Nel lavoro di Enrica Cavarzan per Il pittore e il pesce di Carlo Dalcielo appare l’immagine creata da Mary Azarian per la prima edizione di The Painter and the Fish.

Commenti disabilitati su Un’apparizione


The Painter and the Fish. L’edizione originale in 100 esemplari, firmata da Raymond Carver e Mary Azarian

La plaquette The Painter and the Fish, con due incisioni di Mary Azarian, fu l’ultima pubblicazione realizzata in vita da Raymond Carver, in 100 copie numerate da 1 a 74 e da A a Z, esattamente vent’anni fa, nell’aprile del 1988. Sfogliamo il piccolo, prezioso libro (si tratta dell’esemplare B). Cliccare sulle immagini per ingrandirle.

The Painter and the Fish

The Painter and the Fish

Continua a leggere



Scoop di Exibart. Intervistato Carlo Dalcielo
aprile 18, 2008, 2:13 pm
Filed under: Notizie | Tag: , ,

di Stefano Mazzoni

[…] A chi ti senti più vicino nel tuo fare e concepire l’arte?
Io non provengo da un percorso di studi artistici, non mi sono formato sui lavori di altri artisti. Ho cominciato a produrre opere un po’ per caso una decina di anni fa, e solo da allora ho cominciato a guardare i lavori altrui. Credo però che Luigi Ghirri sia l’artista che più mi ha emozionato, ai miei inizi, e al quale devo, per ora, di più.

Da cosa nasce il tuo interesse per la letteratura?
Il mio interesse è soprattutto per le storie, e per il modo di raccontarle. Non sono un appassionato di letteratura.

E cosa significa per te raccontare delle storie?
A me piace innanzitutto osservarle, le storie, immaginarmele quando osservo la vita che sta intorno a me, e farmele immaginare quando le leggo o me le racconta un film. Raccontarle significa farle durare, entrarne a farne parte, renderle mie e allo stesso tempo viverle assieme ad altri. [..]

Dal cielo ai sogni, fino a quest’ultimo lavoro di maggior impatto narrativo. Cosa ispira la tua ricerca artistica?
Non credo che ci sia qualcosa che mi ispiri. Mi piace lavorare partendo dal mio lavoro, trovare all’interno di esso i presupposti per il prossimo, esplorare le strade, o più spesso le tracce, che vi trovo indicate. Mi piace raccontare, e giocare con i modi per farlo. […]

Cliccare qui per l’intervista completa. L’artista la cui fotografia appare in alto a sinistra non è Carlo Dalcielo.

Commenti disabilitati su Scoop di Exibart. Intervistato Carlo Dalcielo